Google

Avizora - Atajo Google

Países y Protagonistas / Countries and Personalities
Historia breve de Italia. Cronología
Analía Montórfano

Ir al catálogo de monografías
y textos sobre otros temas

Glosarios - Biografías
Textos históricos

ENLACES RECOMENDADOS:

- Italia
- Historia y gobierno de Italia
- Google y nueva opción para el conocimiento
- Introduction of Feng Shui
-
Operación Sarkozy: Cómo la CIA puso ...

 

Google

Avizora - Atajo Google
 

. Presidentes de la República italiana desde 1946 al 2002 -

Fuente: Apellidos italianos - Desde 1530 hasta 1946, por
Analía Montórfano. Desde 1530 hasta 1946: Información cedida por la Hna Laura Ornstein del Centro de Historia Familiar de Belgrano, y completada por Analía Montórfano, con datos tomados de diferentes enciclopedias.

(Cualquier dato incorrecto que encuentren, les solicito me lo hagan saber:
Analía Montórfano)

Circa 1530

* A fines de la Edad Media, Italia estaba dividida en seis Estados principales: a) El Ducado de Savoia. b) El de Milán. c) Las repúblicas de Florencia y d) Venecia y e) Los Estados Pontificios y f) El Reino de Nápoles.

* Era el apogeo del arte renacentista. Miguel Ángel (1475-1564), Leonardo Da Vinci (1452-1519)

1559

* Tratado de Cateau-Cambresis. Los españoles quedaron dueños de Italia durante dos siglos, gobernando el Milanesado y las Dos Sicilias. Sus vecinos eran independientes solo nominalmente.

1713

* Tratado de Utretch. El reino de Nápoles, el Milanesado y la Cerdeña pasan a poder de Austria. El duque de Savoia adquirió, con el titulo de rey, Sicilia, que cambio por Cerdeña siete años después.

1748

* Tratado de Aquisgran. La Toscana, de la entonces extinguida familia Médicis, pasa a la Casa de Lorena Habsburgo. El reino de Sicilia y Nápoles y los ducados de Parma y Plasencia, a dos ramas de los Borbones de España. La Casa de Savoia pasa a adquirir gran influencia en la alta Italia.

1789

* Revolución Francesa. A fines de este siglo comienza a desarrollarse un movimiento espiritual y artístico, que culmina en el siguiente siglo, con el nombre de romanticismo Joaquin Rossini (1792-1868), Cayetano Donizetti (1798-1848), Vicente Bellini (1802-1835), y especialmente José Verdi (1813-1901).

1796

* 29 de marzo. Invasión del norte de Italia por Napoleón. El rey de Cerdeña pidió la paz y su capital Torino (Turín, Torino, fue capital del reino de Cerdeña hasta 1860 y desde ese año hasta 1865, del reino de Italia), cayó en poder de los franceses. Batalla de Lodi, ocupan Milano. Toda Lombardía en poder de Napoleón.

1797

* Febrero. Cae Mantua. Tratado de Campo Formio. Lombardía se convierte en República Cisalpina gracias a la campaña de Bonaparte. Estos triunfos hicieron que huyera el Papa de Roma y de Nápoles el rey Fernando IV, y que surgiesen dos repúblicas: la Romana y la Partenopea.

1800

* Después de la batalla de Marengo, el Piemonte fue incorporado a Francia.

1802

* La República Cisalpina cambió de nombre por el de República Itálica, que mas tarde, en 1806, se convirtió en reino de Italia.

1806

* José Bonaparte, rey de Nápoles.

1814

* 1º de abril, Congreso de Viena. Italia no pudo conformar su unidad política. Italia queda subdividida en nueve estados y devolvió la Lombardía a Austria. Se organiza la Sociedad Secreta Carbonarios. El reino Lombardo-Veneciano, tenía por capital Milán y estaba gobernado por un virrey designado por el emperador de Austria. Bajo su influencia se hallaban los ducados de Parma, Módena y Toscana.
* El reino de las Dos Sicilias comprendía la isla homónima y el sur de Italia, capital Nápoles. Estaba sujeto al poder de la dinastía Borbónica.
* Los Estados Pontificios ocupaban el centro de Italia. La capital era Roma. Estaban gobernados por el Papa.
* El reino de Cerdeña, también llamado Piemonte, comprendía la isla de Cerdeña y los territorios de Génova, Niza y Savoia.

1820

* Una revolución, provocada por los Carbonarios, obliga al rey de Nápoles a conceder una Constitución Liberal. Austria restablece el absolutismo.

1848

* Otra revolución en Nápoles. Carlos Alberto, rey de Cerdeña apoya el movimiento pero son nuevamente derrotados por Austria en Custozza y Novara.
* Ante estos fracasos, el monarca piemontés, abdica a favor de su hijo Victor Manuel II (1820-1878) como rey de Cerdeña, y se retira a Portugal donde fallece.

1850

* Victor Manuel II confía el gobierno a Máximo D’Azeglio, literato y patriota liberal.

1852

* D’Azeglio es reemplazado por Camilo Benzo, conde de Cavour (1810-1861), verdadero artífice de la unidad italiana.

1858

* Entrevista de Cavour y Napoleón III en Plombières. Convenio para expulsar a los austriacos de Italia. En compensación, Francia recibiría Niza y Savoia.

1859

* A causa de provocaciones originadas por Cavour, Austria invade Piemonte. Las tropas francesas acuden en ayuda de Italia y juntos obtienen los triunfos en Magenta (4 de junio) y Solferino (24 de junio). Los franceses de retiran de la lucha.
* 10 de noviembre. Tratado de Zurcí. Por este tratado, Francia recibe la Lombardía, la cual es cedida a Cerdeña. Venecia continuo bajo poder de Austria. Los ducados de Parma, Módena y Toscana son anexados a Cerdeña. En compensación, Francia recibe Niza y Savoia.

1860

* Mayo. Estalla una revolución en Sicilia. Garibaldi organiza una expedición de 1.000 voluntarios para invadir la isla. En tres meses domina la situación y pasa al continente donde derrota a los ejércitos del rey Borbón. Simultáneamente, el rey de Cerdeña invade los territorios pontificios (excepto Roma) y une sus tropas con las de Garibaldi. Francisco II abandona Nápoles.

1861

* Marzo. Un parlamento reunido en Turín, proclama el reino de Italia y nombra rey a Victor Manuel II (quien fue el creador de la unidad italiana junto con Cavour).

1866

* Los italianos son derrotados en Custozza y Novara (2º batalla con el mismo nombre) por los austríacos, pero estos a su vez fueron derrotados por los prusianos en Sadowa.
* Por mediación de Napoleón III se firma la paz de Praga, por la cual, Venecia pasa a integrar el territorio Italiano.

1868

* 18 de septiembre. En España estalla un movimiento de tendencia liberal encabezado por el almirante Topete y los generales Prim y Serrano. Serrano busca un soberano en las cortes europeas, y es elegido Amadeo de Savoia, hijo de Victor Manuel.

1870

* 20 de septiembre. El ejército italiano entra en Roma casi sin resistencia porque las tropas francesas encargadas de garantizar el poder temporal del papa se habían retirado debido a la guerra francoprusiana. Roma se convierte en capital de Italia.

1871

* 2 de enero. Asume como soberano de España Amadeo de Savoia, pero dura en el gobierno solo dos años y es depuesto el 11 de febrero de 1873.

1878

* Muere Victor Manuel II y le sucede en el trono su hijo Humberto I (1844-1900) como rey de Italia.

1880

* Italia en su política colonial, toma Eritrea.

1883

* Integra la Triple Alianza junto con Alemania, Austria y Rusia. La última se retira en 1886.

1891

* Toma Somalia.

1896

* Se detiene en Abisinia con la derrota de Adua.

1900

* Es asesinado Humberto I en Monza por un anarquista y le sucede su hijo Victor Manuel III (1869-1947)

1911

* Luego de una guerra con Turquía (1911-1912) se adueña de Tripolitania y Cirenaica (Libia) y de algunas islas del mar Egeo.

1914-1918

* Primera Guerra Mundial. A pesar de integrar la Triple Alianza, Italia entra en guerra al lado de las potencias centrales. Fue recompensada con una gran parte del Tirol austriaco y la Península de Istria, inclusive los puertos de Trieste y Fiume o Rijeka.
* El rey Victor Manuel III designa como primer ministro a Benito Mussolini. Este, al poco tiempo, se convierte en dictador.

1929

* Tratado de Letrán. Gran éxito político de Mussolini. Por este tratado se pone fin al problema con la iglesia. Queda definido el Estado Vaticano y el poder temporal del papa.
* Mussolini ensancha el imperio colonial con Etiopía y Albania. El rey de Italia conquista, y se convierte en Emperador de Abisinia

1939-1945

* Segunda Guerra Mundial. Italia integra las potencias del Eje. Italia pierde su Imperio Colonial y su propio territorio es invadido. El 24 de julio de 1943, el rey depone a Mussolini y es reemplazado por Pietro Badoglio. Benito Mussolini es rescatado por los alemanes y forma al norte, la República Socialista Italiana (RSI). Al sur, gobierna el rey con el mariscal Bardoglio. Italia es derrotada.

1946

* El rey Victor Manuel III abdica a favor de su hijo Humberto II (n. En 1904). Al realizarse elecciones, Humberto II renuncia al trono e Italia se transforma en República. En el Tratado de Paz, Italia perdió sus colonias. Eligen como presidente a Enrico de Incola, siguiendo este tipo de gobierno hasta la actualidad.

Presidenti della Repubblica italiana (1946 a 2002)

Colaboración de Antonio Cascone

ANNI DI PRESIDENZA CAPO DELLO STATO

1946-1948 Enrico De Nicola (capo provvisorio dello stato)
1948-1955 Luigi Einaudi
1955-1962 Giovanni Gronchi
1962-1964 Antonio Segni
1964-1971 Giuseppe Saragat
1971-1978 Giovanni Leone
1978-1985 Sandro Pertini
1985-1992 Francesco Cossiga
1992-1999 Oscar Luigi Scalfaro
1999 Carlo Azeglio Ciampi

"Presidenti della Repubblica italiana."

De Nicola, Enrico (Napoli 1877 - Torre del Greco 1959), giurista e uomo politico italiano. Fu deputato della sinistra liberale durante l'età giolittiana, quindi presidente della Camera (1920-1923) e senatore dal 1929. Durante il fascismo non svolse attività politica. Ripreso un ruolo attivo nel 1944, svolse opera di mediazione tra i partiti antifascisti e la Corona, e quindi ricoprì la carica di capo provvisorio dello stato tra il 1946 e il 1948. Istituita la Corte costituzionale, nel 1956 ne divenne il primo presidente.

Einaudi, Luigi (Carrù, Cuneo 1874 - Roma 1961), economista e uomo politico italiano, fu presidente della Repubblica dal 1948 al 1955. Nel 1896 iniziò a collaborare con "La Stampa" di Torino scrivendo articoli di argomento economico in cui si rivelò un fermo assertore dei principi liberistici; dai primi del Novecento estese le sue collaborazioni anche a periodici inglesi e americani. Nel 1900 fu nominato professore di scienza delle finanze all'Università di Torino. Contrario al regime fascista di Benito Mussolini, nel 1943 emigrò in Svizzera. Tornato in patria dopo la fine della seconda guerra mondiale, ottenne la nomina di direttore della Banca d'Italia (1945); fu membro della Costituente (1946-47) e ministro del Bilancio (1947-48) sotto il governo di Alcide De Gasperi; in questa carica svolse un ruolo decisivo per il risanamento finanziario e la stabilizzazione della moneta. Nel 1948 divenne senatore a vita e nello stesso anno fu eletto come primo presidente della Repubblica italiana.

Gronchi, Giovanni (Pontedera, Pisa 1887 - Roma 1978), politico italiano, presidente della Repubblica (1955-1962). Entrò nel movimento sindacale cattolico a quindici anni e si distinse nella prima guerra mondiale. Fu eletto deputato tra le file del Partito popolare (da cui nacque poi la Democrazia Cristiana), che contribuì a fondare insieme a don Luigi Sturzo nel 1919. Sottosegretario all'Industria e Commercio nel governo formato da Benito Mussolini nell'ottobre 1922, passò successivamente all'opposizione e si dimise l'anno successivo e poco dopo, a causa della sua adesione alle forze antifasciste, venne espulso dal governo e dal Parlamento. Come rappresentante della Democrazia Cristiana presso la direzione del Comitato di liberazione nazionale, svolse un ruolo di primo piano nel movimento antifascista clandestino. Ebbe numerosi incarichi nei governi del dopoguerra: fu ministro dell'Industria e del Commercio (1944-1946), presidente del gruppo democristiano alla Costituente e presidente della Camera dei deputati dal 1948 al 1955, anno in cui fu eletto presidente della Repubblica.

Segni, Antonio (Sassari 1891 - Roma 1972), politico italiano, presidente della Repubblica (1962-1964). Fu tra i fondatori della Democrazia Cristiana, deputato, più volte ministro e presidente del Consiglio dei ministri (1955-1957; 1959-60). Eletto presidente della Repubblica nel 1962, si dimise nel 1964 in seguito a una grave malattia.

Saragat, Giuseppe (Torino 1898 - Roma 1988), uomo politico italiano e presidente della Repubblica (1964-1971). Socialista riformista, emigrò in Svizzera durante il fascismo stringendo rapporti di collaborazione con Pietro Nenni. Nel dopoguerra organizzò la scissione dei socialdemocratici dal Partito socialista italiano (PSI), in contrasto con la politica di unità d'azione con i comunisti perseguita da Nenni, dando vita al Partito socialista democratico italiano (PSDI). Più volte ministro nei governi di centrosinistra, fu eletto presidente della Repubblica con i voti dei partiti di governo e dei comunisti. Dal 1971 tornò alla direzione del Partito socialdemocratico.

Leone, Giovanni (Napoli 1908), uomo politico italiano. Professore universitario, fu deputato per la Democrazia cristiana nella Costituente e poi fino al 1967, quando divenne senatore a vita. Più volte alla guida del governo, fu eletto presidente della repubblica nel 1971. Nel 1978, a pochi mesi dalla scadenza del mandato, si dimise in seguito a uno scandalo che lo coinvolse con vari esponenti del governo e del suo partito, pur respingendo le accuse.

Pertini, Sandro (Stella San Giovanni, Savona 1896 - Roma 1990), uomo politico italiano, presidente della Repubblica (1978-1985). Dopo aver combattuto nella prima guerra mondiale, entrò nel Partito socialista (PSI) nel 1918. Arrestato dal regime fascista nel 1926, per aver aiutato Filippo Turati a fuggire in Francia, trascorse alcuni mesi in prigione e poi lasciò l'Italia. Rientrato clandestinamente, fu incarcerato di nuovo nel 1928 e dopo sette anni di detenzione fu condannato al confino a Ponza e Ventotene. Liberato nel 1943, militò fra le file della Resistenza; venne arrestato dai tedeschi ma riuscì a evadere dal carcere di Roma e raggiunse Milano, dove diventò uno dei massimi dirigenti del Comitato di liberazione nazionale.
Insieme a Pietro Nenni e a Giuseppe Saragat riorganizzò il Partito socialista e dal 1945 al 1946 e poi ancora dal 1948 al 1952 fu direttore del giornale di partito "Avanti!"; nel 1946 divenne membro dell'Assemblea costituente, quindi fu senatore (1948-1953), e in seguito deputato alla Camera. Dopo avere ricoperto la carica di presidente della Camera (1968-1976), venne eletto presidente della Repubblica, in seguito alle dimissioni di Giovanni Leone (1978). Diede alla sua presidenza una forte impronta democratica, sapendo suscitare simpatie e consenso in larga parte dell'opinione pubblica.

Cossiga, Francesco (Sassari 1928), uomo politico italiano, presidente della Repubblica (1985-1992). Iscritto alla Democrazia Cristiana dal 1945, venne eletto deputato nel 1958. Fu ministro della Riforma della pubblica amministrazione nel 1976 e ministro degli Interni dal 1976 al 1978, quando si dimise in seguito all'assassinio di Aldo Moro; quindi ottenne l'incarico di presidente del Consiglio (1979-1980) e di presidente del Senato (1983-1985). Eletto nel 1985 alla presidenza della Repubblica, negli ultimi anni del suo mandato assunse più volte posizioni molto nette sulle vicende politiche e sociali, esprimendo critiche dirette alla classe politica e alla magistratura. In un clima di consensi e di accuse, culminate in quella di attentato alla Costituzione formulata dai partiti di opposizione al governo, si dimise un mese prima della scadenza del mandato.
Nel 1998 ha fondato un nuovo partito, l'UDR (Unione democratica per la repubblica), nel quale sono confluiti il partito dei Cristiani democratici uniti (CDU), parte del Centro cristiano-democratico ed elementi di Forza Italia. Dopo la caduta del governo Prodi, l'UDR è entrata nella maggioranza che sostiene il nuovo governo guidato da Massimo D'Alema, formato nell'ottobre 1998.

Scalfaro, Oscar Luigi (Novara 1918), politico italiano, presidente della Repubblica (1992-1999). Magistrato, deputato della Democrazia Cristiana dal 1948, nel biennio 1965-1966 fu vicesegretario del partito. Ministro dei Trasporti (1966-1968; 1972) e della Pubblica Istruzione (1972-73), fu ministro degli Interni (1983-1987) durante il primo e il secondo governo presieduto da Bettino Craxi. Nel 1992 venne eletto prima presidente della Camera, in sostituzione di Nilde Jotti, poi presidente della Repubblica, succedendo a Francesco Cossiga. Nel maggio del 1999, al termine del settennato, ha lasciato la carica a Carlo Azeglio Ciampi.

Ciampi, Carlo Azeglio (Livorno 1920), economista e politico italiano, presidente del Consiglio (1993-1994), presidente della Repubblica dal 1999. Membro della Resistenza, funzionario della Banca d'Italia dal 1946, fu governatore per l'Italia della Banca mondiale. Segretario generale (1973-1976), quindi vicedirettore generale (1976-1978) della Banca d'Italia, ne fu nominato governatore nel 1979, incarico che mantenne fino al 1993 quando assunse la presidenza del Consiglio dei ministri (1993-1994), primo non parlamentare a ricoprire la carica di capo dell'esecutivo, alla guida di un governo tecnico di transizione. Dal 1996 è ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione economica nel governo presieduto da Romano Prodi, è stato riconfermato nella stessa carica da Massimo D'Alema, nuovo presidente del Consiglio dall'ottobre 1998. Il 13 maggio 1999 è stato eletto alla prima votazione, con larga maggioranza (707 voti su 990), decimo presidente della Repubblica.

NOTICIA SOBRE EL FALLECIMIENTO DEL EX-PRESIDENTE GIOVANNI LEONE.

Fuente http://www.repubblica.it

L'ex capo dello Stato aveva appena compiuto 93 anni
Dopo le dimissioni dal Quirinale si ritirò dalla vita politica

Morto Giovanni Leone, il presidente del caso Moro
La camera ardente è stata allestita al Senato
mentre i funerali si svolgeranno lunedì prossimo

ROMA - Giovanni Leone è morto questa mattina nella sua casa romana. L'ex presidente della Repubblica aveva compiuto 93 anni sabato scorso. La camera ardente sarà allestita a Palazzo Madama a partire dalle 16.30 e rimarrà aperta fino alle 20 di oggi e nelle giornate di sabato e domenica dalle 9 alle 20. I familiari dell'ex presidente hanno preferito ricevere in casa, la villa alle Rughe, solo i parenti più stretti. I funerali si terranno lunedì 12 novembre alla Chiesa Nuova in Corso Vittorio Emanuele.

Una delle prime telefonate di cordoglio alla vedova, Vittoria Michitto, è arrivata dal capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi e da sua moglie Franca.

Giovanni Leone è stata una figura emblematica della storia della Repubblica: costituente, deputato e senatore, giurista di fama, presidente della Repubblica. La sua ascesa e la sua eclissi fanno parte di un periodo storico in cui la Dc era padrona assoluta della scena politica e sembrava destinata ad esercitare il suo potere ancora per lunghissimo tempo.

Leone era nato a Napoli il 3 novembre del 1908, suo padre, Mauro, era avvocato e aveva partecipato alla fondazione del Partito popolare in Campania. Dopo la maturità classica, dove risultò primo su 300 candidati, riscattandosi così dagli insuccessi scolastici collezionati al ginnasio, Leone si iscrisse alla facoltà di giurisprudenza e, dopo la laurea, cominciò a lavorare a fianco di altri due futuri grandi protagonisti della vita nazionale. Entrò infatti nello studio di Enrico De Nicola, dove ebbe come collega Francesco De Martino. A 23 anni era già assistente universitario, a 32 ebbe l'incarico a Bari, dove tra i suoi assistenti c'era Aldo Moro.

Dopo la caduta del fascismo fu tra i fondatori della Dc napoletana (fu il primo segretario cittadino) e cominciò a muovere i primi passi in politica. Bruciò tutte le tappe: nel '46, l'anno in cui sposò Vittoria Michitto, fu eletto alla Costituente dove si occupò della parte della Costituzione relativa al Csm. Alle elezioni del '48 fu eletto alla Camera, di cui nel '50 fu eletto vicepresidente. Nel '55 fu scelto dalla Dc e dai partiti di centro come presidente della Camera, incarico che mantenne fino al '63. La sua carriera politica continuava a svolgersi al di fuori delle correnti della Dc, anche se poteva collocarsi tra i moderati del partito. A Leone furono affidati due governi "balneari", come si chiamavano allora: esecutivi di breve durata (uno del '63, l'altro nel '68) che servivano a far calare le tensioni politiche e a preparare il terreno a governi più solidi.

Già nel '64 Leone si era trovato a un passo dal Quirinale; dopo una lotta all'ultimo sangue nella Dc, il suo nome era stato preferito a quello di Amintore Fanfani come candidato da contrapporre a Giuseppe Saragat, appoggiato dalla sinistra. Ma a Leone mancarono circa 100 voti di "franchi tiratori" dc e decise di ritirarsi, consentendo così la vittoria di Saragat (che poi lo nominò nel '67 senatore a vita). Sette anni dopo riuscì a conquistare il Colle: dopo due settimane di votazioni andate a vuoto (candidato della Dc era Fanfani), il vertice dello Scudocrociato lo indicò come nuovo candidato e fu eletto di misura la mattina della vigilia di Natale, grazie anche all'aiuto di alcuni missini.

Il settennato di Leone al Quirinale non fu certo pirotecnico come quelli dei suoi successori: Leone fu l'ultimo capo dello Stato a vivere fuori dalla luce dei riflettori. Dopo di lui arrivò Sandro Pertini e cominciò l'era delle esternazioni. Ciò non toglie che Leone abbia esercitato il suo ruolo politico: egli stesso rivelò il 19 marzo 1998 che il giorno prima dell'uccisione di Moro aveva deciso di concedere la grazia alla brigatista Paola Besuschio, nella speranza che servisse per salvare la vita del leader democristiano prigioniero delle BR.

Era il maggio del 1978; ma da lì a poco più di un mese la situazione precipitò e lo portò alle dimissioni, sull'onda dello scandalo Lockheed. Le dimissioni furono date il 15 giugno, subito dopo che il Pci aveva deciso di chiedere l'impeachment. Leone era oggetto da due anni di una campagna di stampa, portata avanti soprattutto dall'Espresso e dai giornalisti Camilla Cederna e Gianluigi Melega, che contestavano al capo dello Stato di aver tratto benefici economici dallo scandalo Lockheed, che allora riempiva le prime pagine dei giornali.

C'era il nome in codice "Antelope Cobbler", che si diceva indicasse proprio il presidente della Repubblica, c'erano i rapporti della famiglia con Antonio Lefebvre. Leone scelse una linea prudente, evitando di reagire pubblicamente; si aspettava forse il sostegno pieno della Dc, che però non ci fu e, quindi, preferì dimettersi.

Leone, ritiratosi nella sua villa a Formello, vicino Roma, ha passato il resto della sua vita lontano dalla politica. Al Senato si iscrisse al gruppo Misto e non a quello della Dc, probabilmente in polemica con il partito per avergli dato un appoggio troppi tiepido nel momento delle sue dimissioni. Ma, alla fine, ha avuto almeno la soddisfazione di ricevere, nel novembre 1998, le scuse di Marco Pannella ed Emma Bonino, all'epoca del caso Lockheed in prima fila nella polemica. "Tutto ciò - commentò Leone - dimostra che non è sempre necessario dover aspettare la conclusione di una vita per restituire dignità a chi ha sempre operato con correttezza".

(9 novembre 2001)

 

 

 

 

AVIZORA.COM
Webmaster: webmaster@avizora.com
Copyright © 2001 m.
Avizora.com